Semplificazione...tutti ne parlano noi la facciamo davvero!!

Pin It


Segnaliamo con soddisfazione una buona affermazione delle posizioni di Alleanza Civica.
È stato infatti approvato al Comune di Milano l'impegno per un "Testo Unico" che riordini e semplifichi gli oltre 120 regolamenti comunali.
L'iniziativa era stata avviata infatti su proposta del Gruppo consiliare Alleanza Civica per Milano, primo firmatario Franco D’Alfonso e sottoscritto anche da altri Consiglieri di maggioranza.
Il Consiglio comunale nella sua ultima seduta ha perciò approvato l' importante Ordine del Giorno che impegna la Giunta a predisporre entro la fine della sindacatura un “testo unico regolamentare” per il Comune, il quale riordini e semplifichi gli oltre 120 regolamenti comunali che a vario titolo sono attualmente vigenti.

La maggior parte dei regolamenti comunali sono infatti figli di una logica “verticale”, derivanti da specifici provvedimenti di legge per materie diverse, i quali finiscono poi per regolare comunque gli stessi ambiti o soggetti. Tipico caso quello dei regolamenti urbanistici, sanitari, Cosap, etc, che riguardano uno stesso esercizio commerciale ovvero uno stesso soggetto.
E’ stato calcolato che l’inefficienza derivante da ridondanze, contraddizioni ed in genere sedimentazione progressiva delle normative è vicina al 30% in termini di allungamento dei tempi, con un conseguente incremento delle possibilità di ricorsi ed annullamenti dovuti a questioni procedurali e non di merito.
La Giunta potrà - o meglio sarebbe dire "dovrà" - avvalersi di una consulenza esterna per mettere a confronto, proporre una nuova formulazione e per  riportare il più possibile ad un testo unico le migliaia di norme regolamentari che si sono accumulate negli anni.

"Non si tratta certo di “appaltare” all'esterno responsabilità di Giunta o Consiglio – ha spiegato in un comunicato il Consigliere Franco D'Alfonso – ma di avvalersi dell'indispensabile aiuto istruttorio che al Parlamento e nelle Regioni è svolto dagli uffici legislativi, mentre un Comune come quello di Milano - pur dovendo gestire realtà di dimensioni e complessità superiore a quasi tutte le mini Regioni italiane- ne è sostanzialmente privo.
Si tratta - ha concluso D'Alfonso – di una grande opportunità per la Giunta Sala di lasciare un concreto segno di “semplificazione” proprio quando questa parola è la più usata nel lessico politico essendo allo stesso tempo la meno praticata nel concreto da tutti".

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo sia cookies tecnici sia cookies di parti terze. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa della privacy policy.
Premendo OK prosegui nella navigazione accettando l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.